La pianta mangia fumo

Publicado en

La pianta mangia fumo

Comunemente è conosciuta come “pianta mangia fumo” o Nolina, ma il nome scientifico completo è Beaucarnea Recurvata. Originaria del deserto del Messico e diffusa in tutta l’America centrale, si tratta di una pianta succulenta sempreverde.

Presenta una forma particolare, con il tronco a forma di bottiglia, con la parte più bassa che affonda nel terreno gonfia e ricca di acqua. Può raggiungere fino a un massimo di 15 metri negli esemplari maturi, e le foglie sono lunghe e sottili, e ricadono verso il basso a pioggia.

Viene coltivata come pianta d’appartamento. Questo è dovuto soprattutto all'erronea credenza che vorrebbe questa pianta come “mangiatrice” di fumo. In realtà chi possiede una di queste Noline avrà constatato come, nonostante si adatti perfettamente a condizioni di scarso ossigeno e luoghi relativamente saturi di sostanze inquinanti, non assorbe il fumo delle sigarette.

Anche se non compie con la funzione dalla quale prende il nome, la Nolina resta comunque una bella pianta, ideale per abbellire il centro tavola. Dovrebbe essere posizionata a mezz'ombra, anche se sopporta la luce diretta del sole e riesce a vivere anche in ambienti con scarsa luce. Il punto forte della Nolina è dato dal fatto che è una pianta davvero forte che riesce a vivere anche in condizioni non ideali e non necessita di particolari cure.

L’annaffiatura deve essere meticolosa: dovuto alle condizioni nelle quali cresce in natura (il deserto) e alla particolarità del suo tronco che assume una forma arrotondata proprio per immagazzinare quanta più acqua possibile, l’annaffiatura deve avvenire solo nei momenti in cui il terriccio si presenti secco, e la quantità d’acqua versata non deve essere eccessiva.

Etiquetado en piante

Para estar informado de los últimos artículos, suscríbase:
Comentar este post