I cespugli da giardino più belli

Publicado en por Giardiniere

I cespugli da giardino più belli

Tra i cespugli ad giardino il più diffuso e conosciuto è senz’altro il Caenothus, preferito da molti giardinieri che vogliono creare un cespuglio da giardino pieno di fiori e semplice da curare.

Il primo suggerimento per coltivare questa pianta è quello di smuovere le radici per fare in modo che si stacchino dalla zolla originaria e si attacchino facilmente al nuovo terreno prima ancora di piantarla nel terreno.

Esistono circa cinquanta specie di arbusti originari dell’America del Nord e del Centro del genere Caenothus, dalle dimensioni differenti in base alle specie.

Un esempio di questi cespugli da giardino sono il Caenothus tyrsiflorus, arbusto tappezzante di circa 35-45 centimentri di altezza, oppure il Caenothus arboreus, un albero di circa 465 metri di altezza.

Alcune specie di questo cespuglio da giardino sono sempreverdi, altre a foglie caduche che però risultano più resistenti al freddo.

I ceanoti hanno foglie ovali, di colore verde scuro, lucide nella parte superiore, dalle profonde venature, che producono fiorellini profumati, riuniti in racemi a palla o allungati, con dei fiori di colore cielo profondo ed intenso.

E’ un arbusto famoso in Europa per le varietà e cultivar diffuse, con fiori bianchi, azzurri e blu intenso, profumati o inodori.

Per coltivare questi cespugli da giardino si deve prediligere un buon terreno, ricco, lavorato, arricchito con stallatico o concime granulare a lenta cessione, si devono evitare i ritagni idrici, preferendo terreni alleggeriti con sabbia o materiale ben permeabile che permetta alla pianta di evitare la siccità.

Si deve scegliere una zona luminosa e soleggiata, non troppo ventosa, al riparo dalle intemperie ed al caldo, all’interno del perimetro del giardino.

In autunno è consigliabile pacciamare il terreno attorno alle radici con paglia o foglie secche, al fine di evitare che le gelate raggiungano la parte più profonda dell’apparato; se dovesse esserci una gelata dei rami esterni, a fine inverno si può potare la pianta dei rami rovinati, anche se normalmente lo sviluppo del ceanoto è lento e compatto, dunque non c’è bisogno di potature.

Etiquetado en consiglio giardino

Para estar informado de los últimos artículos, suscríbase:
Comentar este post