La lotta per la salvaguardia ambientale

Publicado en por Giardiniere

La lotta per la salvaguardia ambientale

La salvaguardia ambientale di chi desidera mantenere l’ambiente naturale al meglio è seriamente minacciata dall’aumento dell’attività umana che agisce nel suo contesto socio-professionale, dalla urbanizzazione e dalla industrializzazione crescenti, dall’uso senza controllo di agenti chimici inquinanti, cosa che ha portato alla degradazione ambientale.

La necessità di improntare l’agire umano alla salvaguardia ambientale si è avvertita con forza fin dalla conferenza dell’Onu del 1992 di Rio de Janeiro, basata sui temi dello sviluppo e dell’ambiente, in cui è emerso che per raggiungere lo sviluppo sostenibile si devono mutare i modelli di produzione e di consumo, con una legislazione in campo ambientale nuova ed una procedura di valutazione di impatto ambientale sistematica.

Ma già si era parlato di salvaguardia ambientale durante la Conferenza di Stoccolma del 1972, in cui le Nazioni Unite si erano occupate del tema della tutela ambientale e dell’uso sostenibile delle risorse naturali con l’introduzione del Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente, con sede a Nairobi, cui era stato conferito un mandato le cui azioni principali erano il mantenimento delle a situazione ambientale globale, la promozione della cooperazione ambientale, la fornitura di informazioni preventive basate su valutazioni scientifiche, la facilitazione dello sviluppo e l’implementazione di norme standard e di coerenza tra convenzioni sull’ambiente differenti, il rafforzamento di supporti tecnologici e di capacità dei singoli Stati a seconda delle loro necessità.

Nel periodo tra il 2010 ed il 2013 l’UNEP ha visto sei direttrici fondamentali di azione: i cambiamenti climatici, i disastri e conflitti, la gestione dell’ecosistema, la governance ambientale, le sostanze dannose ed i rifiuti pericolosi, la sostenibilità della produzione e del consumo di risorse.

Tra le priorità dell’Unep c’è anche, accanto alla salvaguardia ambientale, anche la lotta all povertà, provocata parzialmente anche dai cambiamenti climatici, con l’avanzamento della desertificazione e la riduzione delle risorse naturali a disposizione del pianeta.

Il Settimo degli Otto Obiettivi di Sviluppo del Millennio, da raggiungere entro il termine del 2015, è “assicurare la sostenibilità ambientale”.

Etiquetado en giardiniere

Para estar informado de los últimos artículos, suscríbase:
Comentar este post