Coltivare una cycas

Publicado en por Giardiniere

Coltivare una cycas

La Cycas appartiene alla famiglia delle Cycadaceae, che comprende piante antiche che hanno conservato le loro caratteristiche nel tempo, sono originarie dell’Asia tropicale, della Polinesia, dell’Africa orientale, dell’Australia.

La forma e l’aspetto della Cycas ricordano quelli delle palme, sono formate da un tronco centrale in cima al quale si trova un ciuffo di foglie pennate formato da diverse foglie; le foglie di ogni fronda partono da una costa centrale ed assumono una forma incurvata verso il basso in base alla specie.

Le Cycas sono specie dioiche, ossia esistono piante che portano fiori maschili ed altre che portano fiori femminili, anche se non si può comprendere osservando la pianta se si tratta di un maschio o di una femmina.

I fiori femminili sono detti macrosporofilli e sono riuniti in strobili che appaiono in cima al fusto come aggregati di foglie in cui gli ovuli si formano ai margini.

L’impollinazione in natura avviene con il vento o con gli insetti, invece nelle coltivazioni si preleva il cono maschile giunto a maturazione e si scuote sopra lo strobilio femminile diverse volte per diversi giorni finchè i fiori femminili si chiudono.

Il frutto è una falsa drupa dal seme di colore rosso-bruno che si sviluppa in estate ed è raccolto a gennaio - marzo dell’anno dopo quando diventa giallo pallido oppure arancio - rosso.

Si può coltivare una Cycas in appartamento, ma la fioritura non ci sarà.

Le temperature ideali per la coltivazione delle Cycas sono tra i -10° C ed i 40° C; la crescita è molto lenta; l’ideale è tenere le piante esposte ad una luce che non sia troppo scarsa, pena lo sfilare delle stess a discapito del loro portamento; le correnti d’aria non sono bene accette ma un ricambio d’aria è necessario; da giugno a settembre le piante tenute in appartamento devono essere portate all’aperto; ogni anno si sviluppa in casa una nuova foglia ed il fusto cresce poco; si può ottenere un bonsai dalla pianta.

Etiquetado en piante

Para estar informado de los últimos artículos, suscríbase:
Comentar este post