L’orchidea

Publicado en por Giardiniere

L’orchidea

L’orchidea è una pianta affascinante dalle bellissime infiorescenze, coltivata fino a qualche decennio fa solo da pochi eletti, dato che servivano delle serre o comunque degli ambienti in cui mantenere temperatura ed umidità costanti.

L’orchidea è originaria delle zone tropicali e subtropicali del continente asiatico ed americano, se ne trovano tuttavia circa duecento specie spontanee anche in Italia nelle aree collinari e montane.

Le piante provenienti dalle zone temperate e calde sono praticamente tutte epifite, ossia si aggrappano con le radici ad altre piante che fanno loro da sostegno; le altre specie sono invece terricole perché affondano le radici nel terreno.

Le foglie sono intere, solitamente ovali o nastriformi, disposte in maniera alternata, hanno una consistenza carnosa dato che assolvono alla funzione di riserva di liquidi e nutrienti; talvolta invece questo compito è svolto dagli pseudobulbi che sono alla base, dalla forma ovoidale o cilindrica.

I fiori di orchidea hanno nella parte superiore tre sepali, mentre nella inferiore ci sono tre petali, al centro c’è un labello di forma e dimensione variabili a seconda della specie e delle cultivar dalla funzione di attirare gli insetti impollinatori.

Le radici dell’orchidea sono aeree e carnose nelle specie epifite e saprofidiche, sulla superficie si trova uno strato sottile detto “velamen” che assorbe l’umidità dell’aria e delle superfici cui si ancora la pianta; nel caso delle specie terricole l’apparato ipogeo è composto da bulbi o rizotuberi.

Nei luoghi di origine della pianta le temperature sono elevate e l’umidità è alta, pertanto nei mesi freddi in Italia è necessario tenerla in appartamento, perché essa cresca sono necessari almeno 18° – 20° C e bisogna vaporizzare le foglie ed il fusto frequentemente; anche la luce è importante, ma dev’essere diretta e diffusa.

In commercio si trovano principalmente tre specie di orchidea: le phalaenopsis, i dendrobium ed i cymbidium; le prime due specie amano il caldo, la terza invece può essere coltivata in giardino, non teme gelate lievi, va solo posizionata in un luogo protetto durante l’inverno nelle zone settentrionali.

Para estar informado de los últimos artículos, suscríbase:
Comentar este post