Le piante acquatiche

Publicado en por Giardiniere

Le piante acquatiche

Le piante acquatiche sono molto belle se poste a decorazione di un laghetto in giardino, perché vengono ben presto popolate da animali particolari, tuttavia richiedono molte cure in termini di lavori di pulizia, di raccolta dei semi, di divisione e di moltiplicazione. Per questo motivo, se non si è molto pratici, consigliamo di affidarsi ad aziende specializzate nell'installazione di piante acquatiche.

Tra le specie acquatiche troviamo l’iris o giaggiolo, che sopporta anche per periodi lunghi l’allagamento e cresce sulle sponde dell’acqua, si trova nelle zone umide stabili dell’Italia settentrionale, è usato come fitodepuratrice poiché fissa e sottrae i pesticidi dall’acqua, i metalli pesanti, gli agenti inquinati in generale. Dai rizomi dell’iris si formano fusti di sezione cilindrica e compressa che possono arrivare fino ad un metro d’altezza; le foglie hanno la forma di un ventaglio unite, ciascuna sembra una spada dalle nervature parallele che sono mediane sporgenti nel punto di maggiore sviluppo al centro, ispessito.

La fioritura si ha ad aprile fino a luglio, i semi si possono raccogliere a luglio, il freddo rende necessario il ritiro della pianta in serra od in cassone freddo, si può effettuare la semina in primavera se non si ha la possibilità di ricoverare in serra l’iris.

Altre piante acquatiche sono le ninfee, sia che si tratti di specie rustiche che di varietà esotiche, oppure di ibridi sensibili al freddo che devono essere ritirati con il suo arrivo; in estate va sorvegliato il livello dell’acqua delle piante, che possono vivere anche in acque meno profonde delle usuali galleggiando, ma esse devono trovarsi sul fondo e non essere flottanti, perché, se si supera il limite della lunghezza del fusto, le piante possono restare sommerse; la profondità massima d’impianto della varietà prescelta va consigliata dal vivaio specializzato produttore e dev’essere ripotata anche nel cartellino d’accompagnamento del garden.

In Italia la specie tipica è la ninfea alba, pianta spontanea dei laghi che ha radici tra uno e tre metri di profondità, dai fiori larghi fino a 15 centimetri con stami gialli, di colore bianco, avorio oppure carta di riso.

Altre splendide piante acquatiche sono l’ibisco erbaceo o di palude, la Caltha palustris, la calla, la Zantedeschia aethiopica, il loto, la lenticchia d’acqua, la lattuga d’acqua, la felce galleggiante.

Etiquetado en piante

Para estar informado de los últimos artículos, suscríbase:
Comentar este post